IL CASO

Ridefinizione dei confini tra Agrigento e Favara, un ricorso blocca l'iter

di

FAVARA. Favara ovest non finisce di stupire. Non sono bastate le case costruite sulla linea di demarcazione tra i comuni di Agrigento e Favara tanto che qualcuno si è trovato con il bagno su territorio alieno e la camera da letto su quello del comune di appartenenza, non sono bastati i problemi che sono seguiti al censimento della popolazione del 2011 con oltre mille soggetti che sono transitati di ufficio all’anagrafe del comune capoluogo, non sono bastate le lunghe e laboriose trattative tra le commissioni consiliari paritetiche dei due Comuni concluse con un accordo approvato dai rispettivi consigli, perché oggi si frappone un nuovo ostacolo che sta facendo perdere del tempo prezioso e la pazienza a chi abita nei luoghi oggetto della rettifica dei confini.

Un cittadino favarese, infatti, a seguito della pubblicazione della delibera di consiglio che approvava le intese raggiunte dalle commissioni che allo scambio dei territori hanno lavorato, ha presentato un’osservazione perché sarebbe stato danneggiato dalla nuova linea di confine che avrebbe diviso il suo piccolo appezzamento di terreno, dove aveva costruito anche una casa agricola, in due, con una parte finita sotto la potestà d’imperio del Comune di Favara e con l’altra sotto quella del Comune di Agrigento.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X