CONFCOMMERCIO

Agrigento, bloccato dai vigili il «mercatino dell’illegalità»

AGRIGENTO. Sabato sera e domenica sera il mercatino etnico - nel piazzale dell'ex eliporto di San Leone - non è stato montato. Poche ore prima, Confcommercio, con il suo presidente Francesco Picarella, aveva promesso - parlando di "mercatino dell'illegalità" - la presentazione di un esposto in Procura. Sabato sera, appunto, è arrivato il primo risultato.

«Né sabato, né domenica, nessuno ha montato alcuna bancarella. Non soltanto nel piazzale dell'ex eliporto di San Leone dove, fra l'altro, era scaduto il tempo previsto affinché si facesse il mercatino etnico, ma neanche lungo la terrazza a mare di viale Falcone-Borsellino - ha spiegato, ieri, il sindaco di Agrigento Lillo Firetto - . Per quanto riguarda il polemizzato mercatino etnico non sono state montate le bancarelle - è entrato nel merito l'amministratore - sia perché appunto il periodo previsto del mercatino etnico era finito e sia perché ci siamo resi conto, facendo una serie di controlli mirati a monte, che si trattava di commercio di merce contraffatta.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X