CHIESA

Parrocchie, trasferimenti e nuove nomine ad Agrigento

AGRIGENTO. «I trasferimenti, i distacchi, i riadattamenti a nuove realtà sono parte del dono di amore a cui un pastore è chiamato per rendere il cuore agile e rivitalizzare la corrente fresca della carità pastorale». È con queste parole, contenute in una lettera indirizzata ai parroci, che l'arcivescovo di Agrigento, il cardinale Francesco Montenegro, ha ufficializzato i trasferimenti e le nuove nomine, per l'anno in corso, dei presbiteri.

«Anche quest’anno si è reso necessario compiere alcuni trasferimenti di presbiteri, per far fronte ai bisogni pastorali delle comunità e valorizzare al meglio le persone dei ministri ordinati disponibili - ha spiegato don Franco - .Ringrazio di cuore tutti i presbiteri interessati al cambiamento per la disponibilità dimostrata ad assumere un nuovo servizio e per il lavoro svolto nelle precedenti comunità, anche se a volte si tratta di situazioni scomode che pesano e chiedono rinunzie». L'arcivescovo di Agrigento ha salutato e ringraziato, in maniera particolare, don Claudiu Beres, sacerdote della diocesi di Iasi, in Romania, che per nove anni ha servito la comunità di Canicattì e don Alfred Jacob Simkonda, sacerdote della diocesi di Mbeja, in Tanzania, che ha servito per nove anni la parrocchia di Sant’Agostino in Caltabellotta. Entrambi, adesso, fanno ritorno nelle loro rispettive diocesi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X