IL CASO

Sfiducia al sindaco di Licata, ora la crisi scatena le proteste delle imprese

di

LICATA. La crisi politico – amministrativa ingenerata dalla “sfiducia” che 21 consiglieri comunali hanno approvato, con la conseguenza di lasciare il Comune di Licata senza una guida democraticamente eletta e dopo le dimissioni dell’intera giunta e del vice sindaco Daniele Vecchio, che hanno accelerato l’iter per la nomina, da parte della Regione di un commissario ad acta, “preoccupa” le organizzazioni sindacali ma anche le categorie degli artigiani e commercianti.

Il presidente della sede di Licata della Cna, Piero Caico, interviene dopo l’ennesima brusca, fermata, di un governo locale. E lo fa in nome e per conto della categoria, pesantemente penalizzata, negli ultimi anni, anche dalle costanti interruzioni che, per varie ragioni, hanno lasciato il vuoto nella gestione amministrativa della città.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X