IL CASO

Scala dei Turchi, il belvedere ampliato al posto dell'ecomostro

REALMONTE. A due e tre chilometri di distanza, da un versante e dall'altro, su aree demaniali ma anche private, ci sono platee in cemento, scale e discese a mare, nonché gazebo in legno che occupano abusivamente e deturpano la costa Agrigentina: da Porto Empedocle a Siculiana Marina. Lo ha scoperto, nei giorni scorsi, dopo anni di indagine, denunciando 10 persone, mentre altrettante sono ancora in corso di identificazione, la Guardia di finanza.

Sulla panoramica Realmonte-Porto Empedocle, affacciandosi sulla Scala dei Turchi, però, c'è l'emblema del riscatto e della tutela del territorio: un belvedere nato dopo aver raso al suolo il simbolo dello scempio paesaggistico e dell'abusivismo: un ecomostro. Belvedere che ieri, dalla grandezza praticamente raddoppiata rispetto al giugno del 2016 quando venne inaugurato, ha avuto un nuovo taglio del nastro.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X