AMBIENTE

Rifiuti, a Racalmuto parte la videosorveglianza

RACALMUTO. Era il luglio del 2016 quando il sindaco Emilio Messana ordinava il divieto assoluto, per i cittadini e gli esercizi commerciali, di gettare nei cassonetti sacchetti contenenti rifiuti della frazione secca. Partiva la raccolta differenziata e dunque i rifiuti andavano separati, conferendo - secondo le disposizioni del primo cittadino - carta, cartone, plastica, vetro e metalli esclusivamente al centro comunale di raccolta. Da allora, però, qualcosa non ha mai funzionato.

Racalmuto, a distanza di più di un anno, resta sporca. Anzi, sporchissima. Soprattutto all'ingresso del paese - arrivando da Canicattì o da Caltanissetta - i cigli della strada sono contornati da rifiuti di ogni genere, sparpagliati ovunque e da sacchetti di immondizia in bella mostra. Per contrastare il degrado urbano, provocato dall'abbandono indiscriminato dei rifiuti, il consiglio comunale ha approvato l'integrazione al regolamento per la disciplina della video sorveglianza.

Le telecamere dell'impianto di video sorveglianza, denominato "Occhio discreto", installate per garantire la sicurezza pubblica, verranno, dunque, utilizzate anche per "pizzicare" e sanzionare gli sporcaccioni.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook