MOVIDA

Musica oltre gli orari consentiti, multe a Licata e San Leone

di

AGRIGENTO. Musica ad alto volume ed oltre agli orari consentiti. Lo scontro tra il diritto al riposo delle persone e il rispetto della quiete pubblica, sanciti dal codice penale, e le esigenze economiche e turistiche della movida estiva, si ripropone a Licata, dove 70 cittadini abitanti nel centro storico hanno presentato un esposto alla Procura di Agrigento e hanno denunciato il disturbo della quiete pubblica a causa di musica a volume troppo elevato e schiamazzi notturni, anche oltre le 3 della notte.

Gli stessi licatesi si sono rivolti all’Arpa e al sindaco, sollecitando controlli sulle emissioni acustiche. E la polizia ha fatto “irruzione” nella movida licatese ma anche in quella agrigentina, per controllare il rispetto delle regole.

Gli agenti della Questura di Agrigento e del commissariato di Licata sono stati impegnati su diversi fronti, specie nelle zone marittime di Mollarella e San Leone dove in questo periodo si registra un notevole afflusso di turisti, ma anche di residenti, tale da rendere necessario la predisposizione di servizi volti a garantire la normale vivibilità e il decoro urbano.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook