IL CUA

Il Libero Consorzio di Agrigento non sarà in società con l'università locale

di

AGRIGENTO. L’ex Provincia non rientrerà nella compagine societaria del Cua, il consorzio universitario agrigentino. «Almeno per il momento le decisione è questa – dice il commissario straordinario del Libero consorzio Giuseppe Marino». Il commissario Marino però non chiude la porta: «So che ci sono delle pretese – spiega – giuste o sbagliate da parte di altri soggetti, quindi valuteremo in futuro cosa sarà giusto fare tutelando quegli che sono le prerogative e gli interessi del Libero consorzio comunale». Il funzionario regionale si è ritrovato questa situazione in virtù delle scelte fatte da chi lo ha preceduto, cioè il commissario Roberto Barberi, che supportato dai dirigenti dell’ente e a causa di mancanza di fondi nelle casse dell’ex Provincia, ha deciso di uscire fuori dal Consorzio.

Una decisione che è stata molto contestata. E che avrebbe portato alla chiusura del Polo. Ma la caparbietà del sindaco di Agrigento, Lillo Firetto che si è intestato una grande battaglia, al momento vinta a metà, ha di fatto evitato la morte di un malato terminale.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook