ARCHEOLOGIA

A Licata scoperti dei piccoli tesori nei fondali della Policia

di

LICATA. Si è conclusa la campagna di ricerche e scavi sulla secca della «Policia», a Licata, località presso la quale in passato si sono verificati altri rinvenimenti e recuperi. Il sito è stato scelto come area per la realizzazione di un saggio di scavo in funzione del recente rinvenimento di elementi lapidei e plumbei e di materiale anforaceo frammentario ed eterogeneo sparso.

Le operazioni, condotte dalla Soprintendenza del Mare e dal Gruppo archeologico «Finziade», hanno portato alla luce materiale ceramico, colli d’anfora e due elementi plumbei costituenti probabilmente un ceppo d’ancora del tipo mobile spezzato in due parti; i reperti si trovavano a profondità variabili tra i 5 e i 12 metri.

Gli elementi ritrovati rappresentano un forte indizio che l’area oggetto di indagine potrebbe essere stata oggetto in passato di numerosi naufragi o, comunque, di gravi collisioni sulla secca ad opera delle navi commerciali che transitavano sulle consolidate rotte provenienti dall’Africa e dal Vicino Oriente antico di cui abbiamo, peraltro, numerose testimonianze.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X