DOPO I CONTROLLI

Manca il defibrillatore, chiusi alcuni impianti sportivi di Sciacca

di

SCIACCA. Manca il defibrillatore e sono stati chiusi lo stadio comunale «Gurrera», il campo di calcio «Giuffrè» ed i campi da tennis. Il 30 giugno scorso era il termine ultimo per adeguarsi e dotare le strutture sportive di defibrillatore.

Oltre ad avere il dispositivo, la norma impone anche l'obbligo di formare quanto più persone possibili per il suo utilizzo.  Il defibrillatore semiautomatico esterno e la manutenzione sono a carico della società che opera nell’impianto sportivo. Sono escluse dal decreto le società, associazioni, enti inerenti ad attività con ridotto impegno cardio-circolatorio, come le bocce, il biliardo, la pesca e la caccia sportive, gli sport di tiro, i giochi da tavolo e sport simili. Le società che operano allo stadio e ai campi ad tennis non si sono dotate del dispositivo e ieri i cancelli degli impianti sportivi erano chiusi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook