LO SCRITTORE IN SICILIA

Camilleri torna nella sua amata Porto Empedocle: dove tutto è iniziato

di

AGRIGENTO. «Preparati i purpiteddi in bianco». La voce gracchiante spezza il silenzio della sera di una Vigata attonita e attenta ai preparativi della Pasqua. «E mi raccumannu, mittitici puru u limuni», la voce robusta diventa incalzante. Ma anche inconfondibile. È tornato Nenè. Camilleri è tornato a fare capolino nella sua Porto Empedocle, alla sua casa di sempre, dietro la Matrice.

Nenè a tavola non è solo, c’è la famiglia più intima, i figli che ha voluto riportare nella « casa dove tutto ebbe inizio». Un viaggio «riservatissimo» e di gran piacere. Per rivedere la «chiazza del paese», il corso principale dove oggi trova posto la statua bronzea del «suo» commissario Montalbano.

GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X