DIOCESI

La Curia: "Niente riti pasquali nelle rettorie di Licata". Insorgono i fedeli

di

AGRIGENTO. Niente riti pasquali nelle “Rettorie” ma solo nelle chiese parrocchiali. Lo ha stabilito la Curia vescovile di Agrigento che ha imposto la chiusura delle rettorie nei giorni dal Giovedì al Sabato Santo. La direttiva porta la firma di sua eccellenza, il cardinale don Franco Montenegro.

Scompare quindi la tradizione dei “Sepolcri” cioè gli altari addobbati per ricordare la passione di Cristo, dove venivano esposti merletti e “lavoretti” secondo una usanza che si tramandava da anni e di generazione in generazione, in quelle chiese della diocesi di Agrigento che non hanno il titolo di parrocchia.

Tra queste il santuario del Santissimo Salvatore a Licata, dove opera una confraternita, la più antica, quella omonima del Salvatore, la cui data di costituzione risale al 1242. Insorgono i fedeli.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook