TRIBUNALE

Licata, «meno soldi in busta paga», il pm chiede 10 rinvii a giudizio

di
licata, Agrigento, Cronaca
Tribunale di Agrigento

LICATA. Il principale imputato sollecita il dissequestro delle quote di una società, requisite il giorno dell’operazione della Guardia di Finanza. La Procura, nel frattempo, chiede il rinvio a giudizio e l’inchiesta approda in aula per l’udienza preliminare.

Arriva al bivio decisivo l’inchiesta giudiziaria sulle presunte estorsioni ai danni dei dipendenti delle cooperative di Licata, “Libero Gabbiano” e “Arcobaleno”.

Il 10 ottobre scorso le Fiamme Gialle hanno eseguito cinque misure cautelari. Gli inquirenti – l’inchiesta è stata condotta dal pubblico ministero Matteo Delpini – ipotizzano il classico sistema del pizzo sulla busta paga. I dipendenti delle coop, inoltre, per evitare di essere licenziati avrebbero dovuto firmare il classico foglio di dimissioni in bianco e poi accettare di restituire di una parte consistente dello stipendio.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X