TRIBUNALE

Testa di capretto per intimidire un ingegnere di Sciacca: 2 condanne

di
intimidazione, Sciacca, Agrigento, Cronaca
Tribunale di Sciacca

SCIACCA. La pena disposta dal giudice monocratico del Tribunale di Sciacca a due saccensi, accusati di avere fatto trovare a un ingegnere, Michele Buscarnera, molto noto in città, un sacchetto di plastica contenente una testa mozzata di capretto sulla maniglia della porta dello studio professionale, è stata di un anno di reclusione.

La condanna è stata inflitta a Baldassare Giaimo, di 57 anni, e Giuseppe Gallina, di 67, il primo commerciante e il secondo pensionato.

Il pubblico ministero aveva chiesto 7 mesi di reclusione nei confronti di due saccensi accusati di minacce all’ingegnere Michele Buscarnera che il primo marzo del 2011 ha trovato, posizionato sulla maniglia della porta d’ingresso del suo studio, il sacchetto con la testa mozzata di capretto. Buscarnera al processo si è costituito parte civile, assistito dall’avvovato Aldo Rossi, con una richiesta di risarcimento di 50 mila euro.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X