DUTY FREE

"Tangenti all'Agenzia delle Entrate" ad Agrigento, in 7 verso il rito abbreviato

di
agenzia delle entrate, duty free, tangenti, Agrigento, Cronaca
Marco Campione

AGRIGENTO. «Tangenti all'Agenzia delle Entrate»: in sette, su ventiquattro imputati, chiedono il giudizio abbreviato. Niente decisione sul rinvio a giudizio, quindi, ma si passerà direttamente alla requisitoria del pubblico ministero Andrea Maggioni che formulerà le richieste conclusive di condanna o assoluzione.

È iniziata subito con uno «scossone» l'udienza preliminare, davanti al gup Giuseppe Miceli, scaturita dall'inchiesta «Duty free» che ipotizza un giro di tangenti, talvolta anche di modesta entità, in cambio di favori o annullamenti di sanzioni tributarie.

Il rito alternativo, fra gli altri, è stato chiesto dall'ex direttore dell'Agenzia delle Entrate di Agrigento, Pietro Pasquale Leto, e dall'imprenditore Marco Campione. Stessa scelta processuale per Francesca Leto (figlia dell’ex direttore), per tre funzionari dell’ufficio (Aurelio Bruno, Francesco Caci e Antonino Migliaccio) e per l’imprenditrice Vincenza Maria Lombardo, 51 anni, titolare di un noleggio di auto. L’operazione “Duty free” (tradotto dall’inglese “niente imposte”) scaturisce da un’indagine molto più vasta, condotta sul campo dalla Guardia di Finanza e scattata nel 2012, che ha colpito al cuore l’ufficio delle Entrate di Agrigento.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X