TRIBUNALE

Crolli viale della Vittoria ad Agrigento, chiesto rinvio a giudizio per Zambuto

di
crolli agrigento, rinvio a giudizio, marco zambuto, Agrigento, Cronaca
Marco Zambuto

AGRIGENTO. L’ex sindaco Marco Zambuto e il dirigente dell’ufficio tecnico comunale, Giuseppe Principato, secondo la Procura, sapevano “già due anni prima del crollo della grave situazione di pericolo”, tanto che avevano messo per iscritto anche un’ordinanza di messa in sicurezza ma senza preoccuparsi che venisse rispettata.

Adesso, per loro, e per i tre proprietari di un immobile adiacente ai palazzi Crea, al viale della Vittoria, il cui crollo provocò l’evacuazione di oltre sessanta famiglie e di diverse attività commerciali e studi professionali, si avvicina il momento del processo. Il pubblico ministero Andrea Maggioni, titolare dell’inchiesta, ha chiesto il rinvio a giudizio per tutti i cinque indagati che diventano, quindi, imputati.

L’udienza preliminare è stata già fissata ed è in programma il 27 marzo davanti al giudice Alfonso Malato. Sotto processo andranno oltre a Zambuto, che nel frattempo si è trasferito a Verona dove fa l’insegnante, e a Principato, attuale dirigente del sesto settore del Comune di Agrigento, i tre proprietari di un immobile adiacente ai palazzi le cui condizioni precarie avrebbe provocato il crollo del costone. Si tratta di Maria Isabella Sollano, 75 anni, e dei figli Valentina e Oreste Carmina, 49 e 46 anni. I proprietari delle sessanta abitazioni evacuate potranno chiedere di costituirsi parte civile.

La situazione, peraltro, a distanza di tre anni da quel 5 marzo del 2014 quando la frana colpì al cuore la città, è rimasta pressochè inalterata. La viabilità stradale è tornata alla normalità ma le case restano inaccessibili. L’ipotesi di reato formulata dal pm Andrea Maggioni è di disastro colposo.

Ai proprietari viene contestato in particolare di non avere adempiuto ad un’ordinanza, emessa il 5 aprile del 2011 dallo stesso Zambuto, che imponeva loro di eseguire delle opere di manutenzione consistenti nella “regimazione delle acque” che doveva servire a eliminare il pericolo.

Zambuto, chiamato in causa nella duplice veste di “ufficiale di governo e autorità di protezione civile” che la legge assegna ai sindaci, “pur essendo stato investito di specifiche e reiterate segnalazione da parte dell’amministratore di condominio – è scritto nella richiesta di rinvio a giudizio – e del dipartimento regionale di Protezione civile”, non si sarebbe adoperato dopo la mancata esecuzione dell’ordinanza da parte dei tre proprietari. Il Comune, dopo l’inadempienza dei privati avrebbe dovuto sostituirsi e provvedere al loro posto, salvo poi denunciarli e fare un’azione di rivalsa per le spese sostenute. Zambuto è accusato di non essersi attivato con gli uffici in questa direzione. Contestazione analoga per Principato che inoltre, secondo l’accusa, avrebbe dovuto procedere alla nomina di un gruppo di progettazione per “svolgere indagini geotecniche” sul costone che poi è crollato sulle palazzine al centro del viale della Vittoria.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X