VILLAGGIO MOSÈ

«Mendicava con in braccio il neonato»: romena denunciata ad Agrigento

AGRIGENTO.  Mendicava, "utilizzando" un neonato. Un piccino che veniva mostrato a tutti gli automobilisti di passaggio, fermi davanti al semaforo. Agli agrigentini raccontava di "non aver soldi per farlo mangiare". E di "non sapere come fare per vestirlo".

L'obiettivo, naturalmente, era uno soltanto: far impietosire e dunque "strappare" qualche moneta, o meglio ancora qualche banconota, ai più teneri di animo. La polizia di Stato, accorgendosi però di quell'accattonaggio, l'ha fermata, identificata e denunciata alla Procura della Repubblica di Agrigento.

A finire nei guai - dopo, appunto, essere stata bloccata nel quartiere commerciale del Villaggio Mosè - è stata una ventunenne romena.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X