MAFIA

Giro di estorsioni ad Agrigento, il cellulare del boss Massimino ai «raggi X»

di
agrigento, estorsioni, mafia, Agrigento, Cronaca
Liborio Militello e Antonio Massimino

AGRIGENTO. Il telefono cellulare del boss Antonio Massimino, 48 anni, finito in carcere l’8 novembre insieme al suo presunto “braccio operativo” Liborio Militello, di un anno più grande, sarà esaminato dal consulente della Dda.

I pubblici ministeri Alessia Sinatra e Claudio Camilleri, ieri pomeriggio, hanno affidato formalmente l’incarico a Ignazio Tulumello che dovrà sottoporre a perizia il cellulare per estrapolare tutti i dati che non sono stati già “cristallizzati” nelle intercettazioni.

Sembra scontato che l’atto istruttorio avrà come finalità quella di mettere meglio a fuoco l’eventuale coinvolgimento del terzo indagato, rimasto in stato di libertà e coinvolto in un secondo momento nell’indagine.

Si tratta di Salvatore Gambino, 46 anni, di Agrigento, titolare di un'impresa che realizza impianti elettrici. Gambino è accusato di estorsione aggravata dall’agevolazione dell’associazione mafiosa perché avrebbe commissionato la riscossione di un credito di 85 mila euro nei confronti di due noti costruttori – padre e figlio – a Massimino e Militello.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X