CONDANNA

"Uccise un uomo per contrasti economici", licatese all'ergastolo

licata, omicidio, Agrigento, Cronaca
Tribunale di Agrigento

LICATA. I giudici della Corte d'Assise di Agrigento, presieduta da Giuseppe Melisenda Giambertoni, hanno condannato all'ergastolo Angelo Carità, 61 anni, imprenditore agricolo di Licata (Ag) accusato di avere ucciso, il 7 maggio del 2013, Giovanni Brunetto, 56 anni, trovato sotterrato il 28 ottobre del 2013 in un appezzamento di terreno di Canicattì.

All'origine dell'omicidio ci sarebbe un contrasto di natura economica: pare che Brunetto avesse prestato all'imputato, nel corso degli anni, diverse decine di migliaia di euro per un presunto investimento ereditario. Sarebbe stata, invece, una truffa e quando Brunetto se ne accorse ed iniziò a pretendere la restituzione dei soldi sarebbe stato ucciso e sotterrato.

Il fascicolo di inchiesta per omicidio aggravato è stato coordinato dal procuratore aggiunto Ignazio Fonzo e dal sostituto Salvatore
Vella. La Corte ha accolto interamente le richieste del Pm Vella.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X