PROCURA

Inchiesta Duty free ad Agrigento: chiesto il rinvio a giudizio per 20

di
inchiesta duty free, Agrigento, Cronaca
Tribunale di Agrigento

AGRIGENTO. Il 24 febbraio davanti al giudice Giuseppe Miceli: l’inchiesta ribattezzata “Duty free”, che ha sgominato un presunto giro di tangenti all’Agenzia delle Entrate in cambio di favori e annullamenti di sanzioni tributarie, approda in aula per l’udienza preliminare.

Il pubblico ministero Andrea Maggioni, titolare dell’inchiesta, ha chiesto per i ventiquattro indagati il rinvio a giudizio. Il provvedimento è firmato anche dal capo dell’ufficio Luigi Patronaggio e dal procuratore aggiunto Ignazio Fonzo. Sei dei trenta indagati iniziali erano già usciti di scena quando, nel maggio scorso, i pm disposero la chiusura delle indagini.

Nei loro confronti la Procura chiederà l’archiviazione. L’operazione “Duty free” (tradotto dall’inglese “niente imposte”) scaturisce da un’indagine molto più vasta i cui esiti potrebbero presto portare ad altri sviluppi, partita nel 2012, che ha colpito al cuore l’ufficio delle Entrate di Agrigento. Il blitz della Guardia di Finanza è scattato il 10 dicembre del 2015.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X