IL CASO

Cava di Licata, annullata informativa antimafia

di

LICATA. La sua attività era stata chiusa in seguito a un’interdittiva antimafia, poi aveva ottenuto la riapertura dopo un aggiornamento del provvedimento e infine è arrivata la condanna del ministero. C.B., 41 anni, di Licata, era stato autorizzato dal Distretto minerario di Caltanissetta all'esercizio della cava di calcare denominata "Marotta" nel territorio del Comune di Licata.

A distanza di alcuni anni, però, lo stesso ente comunicava al titolare della cava l'avvio del procedimento di decadenza dall'autorizzazione, facendo riferimento all'adozione, da parte della Prefettura di Agrigento, di un'informativa antimafia "atipica". Si tratta, in sostanza, di una segnalazione che avvisa del possibile rischio di infiltrazioni ma lascia all’ente il potere discrezionale di decidere se mantenere il rapporto contrattuale con il privato. Nel provvedimento venivano indicati quali elementi decisivi ai fini dell'emanazione dell'informativa la circostanza che la moglie del titolare era stata segnalata dalla tenenza della Guardia di finanza di Licata per un’ipotesi di "turbata libertà degli incanti".

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X