LEGA PRO

Akragas, contro il Fondi un pari che vale doppio

di
Akragas, Calcio, Agrigento, Sport
Raffaele Di Napoli

AGRIGENTO. Il cuore dell’Akragas è più forte della devastante crisi societaria che sta costringendo i dirigenti rimasti a smantellare la squadra. La formazione di Lello Di Napoli, nonostante il tecnico debba ricorrere alla Berretti per arrivare a undici, è viva e non vuole arrendersi. Il gol del pareggio, al termine di una partita ben giocata per tutti i 90’, arriva all’ultimo secondo con l’attaccante classe 1999 Simone Sicurella, subentrato pochi minuti prima a Pezzella. È lui il simbolo del riscatto dell’Akragas che lancia un messaggio chiaro al campionato: nessuno ha intenzione di mollare nonostante attorno a sé il caos sia totale.

Il socio di maggioranza Marcello Giavarini è andato via provocando i tifosi e chiedendogli di dedicare uno striscione ai licatesi. La curva replica con 90 minuti di cori di segno opposto. In mattinata sono intervenuti anche il sindaco Calogero Firetto e l’assessore allo Sport, Giovanni Amico, per puntualizzare alcuni aspetti e invitare tutti a dare continuità al progetto anche in caso di retrocessione.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Agrigento: i più cliccati