SICULIANA

«Non si finsero vittime del racket»: coppia viene assolta

di
assoluzione, racket, tribunale di Agrigento, Agrigento, Cronaca
Tribunale di Agrigento

AGRIGENTO. Secondo il giudice dell’udienza preliminare di Agrigento, Alessandra Vella, l’imprenditrice Angela Lo Iacono, 64 anni, e il marito Vincenzo Drago, 67 anni, non sono degli impostori che si sono finti vittime del racket mafioso per avere dei vantaggi di natura professionale.

I due imputati sono stati scagionati dall’accusa di calunnia. Assoluzione per la moglie, che è stata giudicata con il rito abbreviato. Non doversi procedere per il marito che non aveva chiesto alcun giudizio alternativo e rischiava il rinvio a giudizio.

La formula (“il fatto non costituisce reato”) è la stessa e sembra escludere un dolo nelle denunce presentate dai coniugi alla polizia e alla Direzione distrettuale antimafia nei confronti dei colleghi Gerlando Gibilaro, 35 anni, e Salvatore Guarragi, 46 anni, finiti in carcere, prima dell’assoluzione definitiva, nell’ambito dell’operazione antimafia “Nuova Cupola” anche a causa delle loro denunce.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X