AGRIGENTO

San Leone, quattro privati «bloccavano» il torrente

AGRIGENTO. Avrebbero modificato lo stato morfologico dei luoghi. In dei tratti dell'alveo, ricadente a valle del viale Dei Giardini, sono state accertate delle ostruzioni. E la minaccia alla pubblica incolumità visto che il deflusso delle acque piovane non sarebbe più agevole è indubbia.

Il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, ha firmato tre ordinanze - a carico di quattro persone complessivamente.

«E' necessario entro, e non oltre, 30 giorni - scrive il capo dell'amministrazione - ripristinare l'alveo noto con la denominazione di "Vallone Donna Cristina" o eseguire quelle opere necessarie a garantire la tutela di interessi pubblici connessi al libero deflusso delle acque, a salvaguardia della pubblica incolumità. In caso di inottemperanza - lancia l'ultimatum - verrà avvisata l'Autorità giudiziaria ed i lavori verranno effettuati dall'amministrazione comunale in danno dei privati».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook