TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA

Fratello del boss Falsone chiede scarcerazione per curarsi

di

AGRIGENTO. «Le condizioni di salute di Calogero Falsone sono effettivamente molto gravi, le sue patologie richiedono un costante monitoraggio e un trattamento terapeutico adeguato. Tuttavia è possibile conciliare le sue esigenze di cura con la detenzione in carcere sottoponendolo a terapie in ambito ospedaliero».

I periti nominati all’antivigilia di Natale dal Tribunale di sorveglianza sembrano chiudere le porte alla scarcerazione del pastore campobellese, fratello di Giuseppe, ex numero due di Cosa nostra siciliana.

I giudici, dopo che ieri hanno ascoltato in aula il medico legale e lo psichiatra che hanno visitato Calogero Falsone per sottoporlo a una perizia, scioglieranno la riserva nei prossimi giorni.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X