TRIBUNALE

Disordini allo stadio, ultrà dell'Akragas patteggia

di
stadio, ultrà, Agrigento, Cronaca
Tribunale di Agrigento

AGRIGENTO. Dopo il tentativo di «messa alla prova»- che il giudice non ha avallato ritenendo che i reati fossero più gravi di quelli previsti per accedere a questo istituto - Daniele Galante, quarantaseienne tifoso dell’Akragas, arrestato durante il derby col Messina dello scorso 20 novembre con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e oltraggio, decide di patteggiare la pena e definire la propria posizione evitando un vero e proprio processo.

Sei mesi di reclusione è la pena inflitta dal giudice monocratico del tribunale di Agrigento, Giuseppe Miceli, su richiesta dello stesso difensore, l’avvocato Daniele Re, e del pubblico ministero Simona Faga che ha dato parere favorevole all’applicazione della pena.

Per questi stessi fatti, ventiquattro ore dopo la convalida dell'arresto e l' imposizione dell'obbligo di firma tre volte alla settimana, il questore Mario Finocchiaro aveva disposto nei suoi confronti il Daspo (divieto di accedere negli stadi in occasione delle manifestazioni sportive) per 5 anni, con la prescrizione di andare a firmare in determinati orari in corrispondenza delle gare.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook