METEO

Nonostante il grande gelo scuole aperte a Canicattì e Racalmuto

AGRIGENTO. Saranno regolarmente aperti, oggi, a Canicattì ed a Racalmuto, gli istituti scolastici. Ordinanze di sospensione dell'attività didattica sono state, invece, firmate - in via precauzionale - dai sindaci di Cammarata, Casteltermini e Santo Stefano Quisquina, rispettivamente Vincenzo Giambrone, Nuccio Sapia e Francesco Cacciatore. Anche ieri, nonostante la giornata festiva, a Cammarata - una delle città montane dell'Agrigentino più colpita dall'ondata di neve - s'è continuato a lavorare per spazzare via la neve.

Sette i mezzi meccanici dislocati in varie zone del paese. Zone che - per come ha spiegato il sindaco attraverso i social network - sono state assegnate in maniera specifica, in modo da poter garantire i soccorsi e la rimozione di neve e ghiaccio in tutta la città. Al massimo, entro oggi la situazione dovrebbe tornare alla normalità. Cinque, invece, i mezzi - delle mini pale - al lavoro a Santo Stefano Quisquina dove sabato erano rimaste isolate decine e decine di aziende zootecniche ed agricole. Il sindaco Francesco Cacciatore - per fronteggiare l'emergenza viabilità rurale - non ha potuto far altro, sabato, che chiedere "aiuto" alla Prefettura di Agrigento. "Con le mini ruspe delle cinque imprese di fiducia - aveva spiegato - abbiamo liberato le strade principali ed abbiamo assicurato l'accesso alla casa di cura".

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X