PROCURA

Marinaio disperso a Lampedusa, due indagati

LAMPEDUSA. Omicidio colposo. E' per questo titolo di reato che la Procura di Agrigento - che aveva già aperto il fascicolo di inchiesta lo stesso giorno del naufragio - sta procedendo. Due le persone già iscritte.

Per il terzo giorno consecutivo, ieri, le ricerche del disperso - del marinaio Francesco Solina di 51 anni - non hanno portato a nulla. Non soltanto, a causa del maltempo, il "rov" - il robot della Guardia costiera - non si è potuto immergere nell'area in cui si è inabissato, nella notte fra lunedì e martedì, il peschereccio «Giacomo Maria», ma - visto che il mare, ad un certo punto, è arrivato a forza cinque - anche le motovedette della Capitaneria di porto hanno dovuto far rientro.

Anche le ricerche di superficie, dunque, a causa delle brutte condizioni del mare, ieri, non sono potute andare avanti ed è altamente probabile che così sarà anche oggi e forse perfino sabato. Le condizioni del mare, ieri sera, venivano date in miglioramento, per lunedì. Quindi appariva probabile che il "rov" soltanto fra qualche giorno potrà provare ad immergersi e ad effettuare le fondamentali video riprese a quattro miglia e mezzo dalla costa di Lampedusa, ad una profondità di circa 67 metri.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X