RIFIUTI

Agrigento Est, incontro con i sindacati

di

CAMPOBELLO DI LICATA. I sindacati di categoria hanno incontrato il nuovo Cda della Srr “Agrigento Est”, società di regolamentazione dei rifiuti, eletto la scorsa settimana. Da una parte il sindaco di Campobello, Gianni Picone, che ricopre la carica di presidente, assieme ad Enrico Vella (assessore del Comune di Raffadali) e Giusy Cimino (assessore a Grotte), dall’altra i sindacalisti di Cgil, Cisl e Uil per un incontro preliminare che è stato giudicato positivo. I temi in discussione sono stati legati alla gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti e al passaggio dei lavoratori dalle Ato in liquidazione alla società che ha sostituito i vecchi ambiti territoriali.

La Cisl, attraverso il segretario Maurizio Saia, ha ribadito che è necessario correggere gli errori del passato ed arrivare con la nuova gara di appalto ad ottimizzare il servizio, raggiungendo standard di qualità a costi accettabili per i cittadini. “La garanzia dei livelli occupazionali, a nostro avviso - ha spiegato Saia - potrà essere garantita dalla mobilità dei lavoratori tra i Comuni limitrofi laddove c'è, invece, carenza di personale, evitando in questa fase nuove assunzioni da parte delle imprese. Per riequilibrare il sistema diventa fondamentale, inoltre, una serrata lotta all'evasione della Tari, che permetterà così ai cittadini di pagare meno poiché non è più possibile tollerare tassi di evasione che in alcuni casi superano il 65%. Riteniamo positivo l'istituzione di un tavolo tecnico di confronto tra Srr, Comuni e organizzazioni sindacali in modo da cercare congiuntamente di scongiurare i licenziamenti e raggiungere obiettivi di qualità ed economicità del servizio”. Soddisfatta anche la Uil con il segretario generale, Gero Acquisto e quello dei trasporti, Nino Stella. “Abbiamo notato che l’incontro e il confronto appena iniziato tra il presidente della Srr Agrigento est con le parti sociali è partito con il piede giusto - dicono Acquisto e Stella - anche se siamo allo stato embrionale.

Sui futuri bandi della gestione integrata dei rifiuti che riguarderà gli undici comuni ricadenti la Srr, ancora non è stato chiarito se l’appalto dei rifiuti sarà gestito con il servizio in house o con un bando esterno. Sulla problematica del personale della nettezza urbana, il presidente Picone ha parlato di un piano di riequilibrio del personale in servizio che alla fine di tutte le verifiche dovrebbe portare all’utilizzo spalmato del personale all’interno degli undici Comuni attraverso un principio solidale che garantisca sia il servizio sia i posti di lavoro. Questo sarà trattato a breve in un successivo tavolo tecnico con le parti sociali non appena i numeri saranno definiti. Riteniamo – aggiunge il segretario della Uil - che con il dialogo si possa addivenire al raggiungimento di obiettivi condivisi per un servizio efficiente e una tutela dei lavoratori così come è previsto dalla normativa regionale e dal contratti di lavoro per uscire finalmente fuori dal guado delle incertezze con una programmazione chiara e dei progetti che possano migliorare l’intero servizio dai costi, alla riduzione delle bollette per i cittadini e di avere le città pulite come nel resto d’Italia”.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook