DALLA REGIONE

Nubifragio, stato di emergenza a Licata
Crocetta: subito 30 milioni per i danni

PALERMO. "Il governo regionale vuole manifestare vicinanza alla città di Licata, già devastata. In giunta approveremo la dichiarazione dello stato di emergenza per Licata, e nella stessa giornata presenteremo un emendamento alla manovra di assestamento con cui stanzieremo 30 milioni di euro di fondi Pac, già destinati al dissesto, per la città di Licata". Lo dice il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, parlando delle misure che il governo siciliano intende mettere in campo, dopo il nubifragio che si è abbattuto ieri sulla cittadina in provincia di Agrigento.

Ieri a Licata sono caduti 160 millimetri di pioggia in tre ore, poco meno della metà di quanto ne cade in un anno, in una città che ha, ha detto il sindaco Angelo Cambiano "un deficit di canali di scolo che ho chiesto di finanziare ed inserire all'interno del Patto per il Sud".

I social network sono stati invasi da foto e filmati su Licata: auto sommerse dall'acqua, vie che sembravano fiumi in piena, piazze coperte come laghi. La prima emergenza nella zona del fronte mare, la Playa, con acqua altissima. E negozi e scantinati allagati.

E decine e decine di chiamate ai vigili del fuoco, costretti a chiamare 'rinforzi' da Caltanissetta per fare fronte all'emergenza. Al lavoro anche le idrovore del Comune, che 'aspirano', 350 litri di acqua al minuto. Diversi quartieri sono rimasti senza energia elettrica ed è crollata anche la rete Internet.

I danni sono ingenti, soprattutto nella zona vicino al fiume Salso che attraversa la città, che non è straripato. Diverse persone sono state medicate nel pronto soccorso, ma perché colte da malore. Sulla statale 115, all'altezza del bivio per Licata, 5 chilometri di strada sono chiusi perché invasi da detriti e fango. Vicino al sito archeologico Stagnone Pontillo è crollato un muro di contenimento.

Chiusa per diverse ore, a causa dei detriti riversatisi sull'asfalto, anche la statale 123, fra Campobello di Licata e Licata, riaperta dopo un intervento dell'Anas con un senso unico alternato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X