PARTITI

Forza Italia rilancia la presenza nell'Agrigentino

di

AGRIGENTO. Una convention di Forza Italia, per rilanciare il partito ad Agrigento, dopo l' ultima adesione del consigliere e presidente della commissione Cultura al Comune di Agrigento, Pasquale Spataro, finisce in polemica.

Nonostante l' ampia partecipazione alla convention che si è svolta nei locali dell' Hotel della Valle, per lanciare la campagna per il referendum costituzionale del 4 dicembre, si è registrata la posizione di altri due consiglieri, che da tempo fanno parte di Forza Italia, Giorgia Iacolino (figlia dell' ex deputato europeo Salvatore) e di Salvatore Falzone, che hanno stigmatizzato il fatto «di non essere stati invitati».

La replica arriva dal commissario provinciale, onorevole Vincenzo Giambrone: «Non abbiamo mai rifiutato né allontanato alcuno. La consigliera Iacolino omette di dire che, nonostante il sottoscritto, commissario Provinciale di Forza Italia, abbia cercato di riconoscere ed attribuire a lei, ovvero al suo genitore, adeguate rappresentanze politiche,ha preferito il letargo rifiutando la collaborazione che le veniva offerta. Rattrista il fatto che vorrebbe far passare un messaggio di sopraffazione nei loro confronti, quando invece i fatti dimostrano l' esatto opposto. Ovviamente il tutto mira a screditare Forza Italia, danneggiandone l' immagine in un momento di rilancio provinciale, che vede avvicinarsi tanti amministratori e diversi operatori politici, riconoscendone la centralità».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook