LA PROPOSTA

Cgil: "Archi Antimafia" sulla statale 640 in ricordo del giudice Livatino

di
Agrigento, Cronaca

AGRIGENTO. Un "arco di trionfo" o comunque un'opera che ricordi il sacrificio del giudice Rosario Livatino sulla strada statale 640 all' altezza del km 10 in cui fu ucciso la mattina del 21 settembre del 1990.

Sulla stessa superstrada, dove proseguono i lavori per il raddoppio che dovrebbero concludersi nel gennaio del 2018, dovrebbe essere ricordato allo stesso modo anche il giudice Antonio Saetta, ucciso insieme al figlio Stefano il 25 settembre 1988. La proposta fu lanciata un anno fa dall' ex direttore dell' Inail di Agrigento Salvatore Cimino e fu fatta propria da Cgil, Cisl, Uil e Legambiente.

«Un anno fa lanciammo questa idea, ma dall'Anas ancora nessuna risposta», ha detto su Facebook il segretario generale della Cgil di Agrigento Massimo Raso pronto a rilanciare la proposta all' Anas che l' anno scorso ha raggiunto circa mille adesioni su Facebook dove è stata realizzata una pagina ad hoc intitolata «Vogliamo gli Archi Antimafia sulla SS 640».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Agrigento: i più cliccati