AMMINISTRATIVE

Il comizio non si ferma per il Corpus Domini, protesta del parroco a Porto Empedocle

di
Nei giorni scorsi il clero del paese era intervenuto sulla competizione elettorale invocando «il voto libero»

AGRIGENTO. Davanti la chiesa Madre le solenni celebrazioni del Corpus Domini mentre di fronte, sul palco in via Roma, andava in scena senza interruzioni il comizio del candidato del Pd Orazio Guarraci. Scene che rievocano Peppone e Don Camillo nella Vigata del Commissario Montalbano. I sacerdoti giunti in processione con centinaia di fedeli, domenica sera, sono stati "costretti" a fermarsi e ad attendere la fine della manifestazione elettorale. Ma per i parroci, già intervenuti in campagna elettorale con un appello per un "voto libero dai condizionamenti", non ci sono dubbi: «Questo non doveva succedere».

«Ci siamo ritrovati - ha detto don Nicola Salemi nell'omelia del Corpus Domini - a vivere momenti come fossimo dinnanzi alla storia di Peppino e Don Camillo. Una situazione che sembrava lontana anni luce dalla realtà della nostra città. In una società ed in uno Stato laico che si propone un dialogo costante, mi sembrava fosse giusto avere maggiore rispetto in questo momento di solennità, la cui festa per i cristiani è molto importante e solennemente celebrata come il molte altre parti. Nelle mie parole il dissenso da parte di tutti per quello che è avvenuto. Quello che è successo - ha sottolineato il parroco - non doveva succedere».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook