PROCESSO

Agrigento, «Palazzo Lojacono caduto per il vento»

di

AGRIGENTO. Il vento che si è registrato in quei giorni è del tutto paragonabile, a livello di potenziale pericolo, a un evento sismico». L'ingegnere Pippo Oliveri, consulente del dirigente dell' Ufficio tecnico comunale di Agrigento Giuseppe Principato, rilancia la tesi del crollo a causa del vento.

Ieri mattina, al processo che ipotizza a carico di nove persone i reati di disastro colposo per il cedimento di Palazzo Lo Jacono, caduto al suolo il 25 aprile del 2011, è stato ascoltato il tecnico che ha redatto una consulenza di parte per la difesa del funzionario. «I danni strutturali di quei venti - ha detto rispondendo all' avvocato Nicola Grillo, difensore di Principato - sono del tutto paragonabili a quelli del terremoto».

La Procura ipotizza, invece, che Principato, insieme agli altri dipendenti del Comune incaricati della progettazione dei lavori di messa in sicurezza e ai responsabili della ditta, abbiano eseguito delle opere di consolidamento «inutili e forse dannose».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X