RIFIUTI

Sciopero, si ferma la raccolta in sette Comuni dell'Agrigentino

di

LICATA. Si ferma di nuovo la raccolta dei rifiuti nei sette Comuni (Licata, Palma di Montechiaro, Canicattì, Ravanusa, Campobello di Licata, Naro e Camastra) in cui il servizio viene svolto dalla Dedalo Ambiente. Stavolta però la vertenza non è locale, ma nazionale.

Ieri è stato Salvatore Gueli, commissario straordinario dell' Ato rifiuti, ad annunciare che "le segreterie nazionali, della funzione pubblica, delle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil, hanno proclamato uno sciopero nazionale di lavoratori e lavoratrici dell' Igiene Ambientale delle aziende pubbliche e private, per 24 ore, per il 30 maggio 2016". Gli operatori ecologici, dunque, incroceranno le braccia tra 9 giorni e ciò comporterà, ovviamente, uno stop alla raccolta. "In ogni caso - ha aggiunto Gueli - la Dedalo Ambiente, in occasione del 30 maggio, qualora lo sciopero venisse confermato, assicurerà nei comuni di Camastra, Campobello di Licata, Licata, Naro e Palma di Montechiaro, i servizi minimi previsti dalla legge e dall' accordo nazionale di settore".

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook