VIADOTTO CANSALAMONE

Con lo scooter contro i blocchi in cemento, 40enne muore a Sciacca

di

SCIACCA. Si è schiantato contro i blocchi in cemento che impediscono il transito sul viadotto Cansalamone. Una tragedia, nella notte, a Sciacca, che ha spezzato la vita a Ettore Bobbio, di 40 anni, appartenente a una famiglia molto conosciuta in città.

Il nonno, che portava il suo stesso nome, è stato sindaco socialista di Sciacca e per tanti anni anche amministratore dell'ospedale. Ettore Bobbio, che indossava il casco, stava percorrendo, in sella a uno scooter 125, la variante esterna della città in direzione di via Cappuccini. A quanto pare proveniva dalla zona di Capo San Marco.

Si è immesso sulla variante nel tratto che percorrono soltanto le famiglie che abitano nella zona per raggiungere le loro case. Si sarebbe reso conto della presenza dei blocchi alcuni metri prima dell'impatto e, infatti, a poca distanza dall'inizio del viadotto, c'è una frenata.Tr oppo tardi, però, per evitare lo scontro. L'impatto deve essere stato violento e il casco non ha evitato il forte colpo con il cemento. Ettore Bobbio è morto sul colpo ed i medici del 118, chiamati da alcuni residenti nella zona che avrebbe sentito il rumore provocato dall'impatto tra la moto ed i blocchi in cemento, non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE  

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X