SANITA'

Agrigento, poche vaccinazioni: "Rischio epidemia"

di

AGRIGENTO. Alcuni li guardano con sospetto, ma accettano di farli somministrare ai propri figli. Altri, categoricamente dicono "no" e lasciano i piccoli senza alcuna copertura vaccinale. Le fila di chi nutre sospetto e diffidenza sui vaccini stanno però ingrossando - il che si traduce in fenomeno allarmante - quelle di coloro che disertano. Il "crollo" della copertura vaccinale per morbillo, rosolia, varicella e parotite - registrato dall' Asp 1 di Agrigento - per la provincia è del 10 per cento. Un calo preoccupante che potrebbe tradursi anche in un serio problema di sanità pubblica. L' azienda sanitaria provinciale di Agrigento non ha dubbi: "Così continuando, si rischia una epidemia".

Quella che è stata già definita una "bestia nera" è la triade morbillo -parotite -rosolia. Il vaccino, unico, è offerto gratuitamente da vent' anni in Italia, ma, appunto, è sempre più disertato dalle mamme. «Il calo registrato è del 10 per cento - ha spiegato ieri il direttore del Servizio di Epidemiologia dell' Asp di Agrigento, Gaetano Geraci -.Stiamo facendo corsi e formazione di medici affinché sensibilizzino la popolazione, le famiglie che hanno figli piccoli. I centri vaccinali ci sono.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook