POLIZIA

Litiga e investe il cognato, denunciato uomo a Porto Empedocle

di

PORTO EMPEDOCLE. Litiga, per strada, con il cognato per motivi familiari. Si mette in macchina, ancora urlando, e lo investe. Lasciandolo gravemente ferito sull'asfalto, accelera e s'allontana rapidamente dal quartiere dei Grandi Lavori.

È accaduto nel primo pomeriggio di venerdì a Porto Empedocle. Il trentenne, gravemente ferito, è stato - una volta che è scattato l'allarme e sul posto si è precipitata la polizia di Stato - caricato su un'autoambulanza del 118 e portato al pronto soccorso dell'ospedale "San Giovanni di Dio" di Agrigento dove i medici gli hanno diagnosticato fratture sparse, perfino al bacino, escoriazioni e contusioni.

Ferite giudice guaribili in almeno 40 giorni. Gli agenti del commissariato "Frontiera", coordinati dal vice questore aggiunto Cesare Castelli, si sono subito messi alla ricerca del presunto investitore. A casa non è stato però trovato. Poche ore dopo, mentre le perlustrazioni e ricerche erano ancora in corso, l'uomo, un ventisettenne empedoclino, si è presentato - accompagnato dall'avvocato Rosario Fiore - in commissariato. E' stato subito interrogato ed ha cercato, a suo modo, di spiegare e chiarire cosa effettivamente fosse accaduto. Il fascicolo di inchiesta viene coordinato dal sostituto procuratore Simona Faga. Il ventisettenne, D. C., è stato denunciato, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook