VERTENZA NETTURBINI

Rifiuti, sindacati in prefettura cercano soluzioni

di

AGRIGENTO. Secondo giorno per la nuova occupazione pacifica dei netturbini agrigentini rimasti senza lavoro e che da lunedì scorso hanno rimesso il presidio fisso davanti al Municipio di Agrigento. E stamattina, dopo la lettera inviata al prefetto per chiedere un incontro sulla vicenda, i rappresentanti sindacali di Cgil, Cisl e Uil, tornano in prefettura per chiedere una nuova riunione operativa che possa chiarire lo stato dell’arte della vertenza e capire come andare avanti.

«La prefettura di Agrigento - spiega il segretario della Cgil Fp Alfonso Buscemi - rimane l’ultimo baluardo a cui rivolgerci per potere mettere tutte le parti interessate allo stesso tavolo in modo che, una volta per tutte, si impegnino non solo a parole, ma con i fatti e pr fatti intendiamo carte scritte, a trovare una soluzione per queste persone dopo che l’intesa sembrava a portata di mano». Il contenzioso, al momento, è infatti tra imprese e Comune che pare non intenzionato a firmare la cosidetta «clausola di sottomissione» che impegna le parti a prendere atto delle modifiche al contratto.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook