CRIMINALITA'

Sciacca, furto di rame al Macauda: due citazioni immediate

di
Il bottino ammontava a cinquanta mila euro

AGRIGENTO. Citazione a giudizio per i due palermitani accusati di essere stati gli autori del furto di rame per un valore di circa 50 mila euro messo a segno ai danni dell’hotel Torre Macauda, chiuso dal 2012 e per il quale è in corso la vendita all’asta da parte del tribunale. E’ stata notificata a Salvatore Tarantino, di 25 anni, e Francesco Cataldo, di 27, entrambi palermitani.

Il primo è stato arrestato a dicembre dello scorso anno e posto ai domiciliari nella sua casa di Borgo Nuovo. Il secondo sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora. La citazione a giudizio è stata disposta dal sostituto procuratore Michele Marrone, il magistrato che ha coordinato le indagini dei carabinieri, dirette dal capitano Salvatore Marchese. I carabinieri hanno impiegato circa sei mesi per risalire ai due palermitani e sono riusciti sulla base di oggetti rinvenuti a Torre Macauda.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook