PELAGIE

Linosa, polemica su una motonave di linea: "Non ferma al ritorno"

di

LINOSA. «La seconda motonave di linea di collegamento tra le Isole Pelagie e Porto Empedocle ad oggi non effettua scalo a Linosa nella tratta di ritorno verso Porto Empedocle». Lo afferma il presidente del Consiglio, Gerardo Errera, nel "denunciare" il fatto in una lettera-appello inviata al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, e per conoscenza al prefetto e ai vertici regionali.

L'appalto quinquennale, affidato dalla Regione per circa 42milioni di euro, prevede 780 scali annui e un importo di circa 24mila euro più Iva a tratta riconosciuto alla compagnia di navigazione. «L'isola di Linosa offre due approdi - dice Errera -: uno a sud, denominato "Scalo Vecchio", ed uno ad ovest, "Cala Pozzolana di Ponente". Entrambi sono sprovvisti, ad oggi, di segnali marittimi luminosi che possano consentire l'esecuzione, in condizioni di sicurezza, delle manovre di avvicinamento e di attracco al personale di comando di qualsiasi imbarcazione. Inoltre, manca ogni forma di illuminazione delle aree deputate alle operazioni commerciali a terra e delle vie di collegamento degli sbarchi al centro abitato. Sono queste le ragioni per le quali si salta lo scalo di Linosa nel percorso notturno?», si chiede l'amministratore.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook