CARABINIERI

Minaccia i vicini col piccone, in manette a Licata

di

LICATA. Lunedì sera a Licata i carabinieri hanno arrestato un giovane del luogo che, uscito di casa malgrado fosse ai domiciliari, armato di un piccone avrebbe minacciato alcuni vicini. A finire in manette è stato Giuseppe Famà, sorvegliato speciale di pubblica sicurezza di 29 anni. Deve rispondere di «evasione, minaccia aggravata e porto abusivo di oggetti atti ad offendere».

«In particolare i militari dell'Arma, in seguito ad una segnalazione telefonica sul 112, intervenivano - scrivono i carabinieri della compagnia cittadina in un comunicato stampa diffuso ieri - in contrada Piano Cannelle, nei pressi della casa del ventottenne, ove sorprendevano quest'ultimo mentre si trovava a piedi fuori dalla propria abitazione, intento a minacciare alcuni vicini, brandendo un piccone, in violazione delle prescrizioni impostegli dalla misura cautelare cui era sottoposto».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X