TERRITORIO

Ambiente e depuratori nell'Agrigentino, avanti a piccoli passi

di

AGRIGENTO. Nell'occhio del ciclone i depuratori nell'Agrigentino nonostante gli interventi di miglioramento effettuati in questi anni. Una situazione evidentemente pesante quella "ereditata" da Girgenti Acque in materia di depurazione adesso al vaglio della Procura di Agrigento che ha proceduto con una raffica di sequestri di impianti anche alla luce delle nuove norme del testo unico sull'ambiente varato nel 2015.

Una situazione che se si sa da dove parte non si sa adesso dove andrà a finire. Ma cosa sta facendo e cosa ha fatto in questi anni il gestore del servizio idrico integrato per i depuratori? Va detto, intanto, che la "famosa" delibera Cipe 60/2012, la cui piena applicazione sta portando clamorosi ritardi non solo in Sicilia, prevede il finanziamento di 12 progetti relativi a reti fognarie e impianti di depurazione nell'Ato idrico agrigentino.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook