IL CASO

Sindaci dell'Agrigentino sotto tiro, appello al prefetto: ci aiuti

di

AGRIGENTO. "Amministratori sotto tiro". Ma anche "amministratori a disagio". Dopo i vertici organizzati per far "quadrato" attorno ai primi cittadini che hanno subito intimidazioni, ieri, in Prefettura, i sindaci si sono ritrovati attorno al prefetto Nicola Diomede per individuare la strada da seguire per essere utili alla collettività e per poter lavorare in piena sicurezza.

"La riunione di oggi (ieri ndr.) si ricollega ai precedenti incontri. Allora ci si riferiva agli atti intimidatori consumati nei confronti dei pubblici amministratori. Nello stesso solco, questo è un incontro che avviene alla luce dell'episodio che è successo a Licata in cui un cittadino ha violentemente colpito il sindaco. Sicuramente la situazione economica nell'Agrigentino è abbastanza delicata. Porto Empedocle, in particolar modo, - ha spiegato il prefetto Diomede - è l'espressione più alta e più forte del disagio di chi è amministrato".

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X