LA SENTENZA

Racalmuto, condannato un imprenditore: "Rafforzò la mafia pur non facendone parte"

RACALMUTO. La prima sezione penale del tribunale di Agrigento, presidente Giuseppe Melisenda Giambertoni, ha condannato a 6 anni e 6 mesi di reclusione l'imprenditore Calogero Romano, 59 anni, di Racalmuto (Ag).

Secondo la Dda di Palermo, Romano - accusato di concorso esterno in associazione mafiosa - "contribuì al rafforzamento di Cosa Nostra, pur non facendone parte, fino a quando il suo principale punto di riferimento, il mafioso Ignazio Gagliardo, non entrò nel programma di protezione per i collaboratori di giustizia".

Romano dovrà pure risarcire l'ormai ex Provincia regionale di Agrigento e la Regione Siciliana che si erano costituiti parte civile. Il pubblico ministero della Dda, Maria Teresa Maligno, aveva chiesto una condanna a 9 anni di reclusione

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X