LA VERTENZA

Sciacca, sì di tutti i precari al nuovo contratto

di

SCIACCA. Hanno optato tutti per i 26 mesi di contratto con il Comune gli 84 lavoratori socialmente utili impegnati or9mai da quasi un ventennio a palazzo di città. E' stata concessa una proroga per decidere sulle tre opzioni, la Cgil ha invitato i lavoratori a riflettere bene, parlando del rischio della perdita del posto di lavoro tra due anni. Non ci sono state novità. La giunta comunale aveva già approvato il piano di stabilizzazione, inserito nel programma triennale del fabbisogno del personale per il triennio 2015-2017, che prevede l' impiego di questo personale con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato parziale a 21 ore.

«Il Comune si avvarrà dei piani di stabilizzazione relativi alle annualità 2008, 2009, 2010 sottoscritti con il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - dice l' assessore comunale alle Politiche del Lavoro, Davide Emmi - utilizzando uno stanziamento di tre milioni di euro». Si è proceduto all' interpello per tre opzioni: il contratto, a tempo determinato, con il Comune; prendere una somma di denaro in proporzione al periodo resi duo di lavoro per crearsi un' attività; essere assunto da una ditta che riceverà un contributo. L' orienta meto dei precari è stato fin dall' inizio quello di rimanere al Comune anche perché una parte sono ormai in procinto di andare in pensione.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X