SANITA'

Licata, si temono nuovi ritardi per il punto nascite

di

LICATA. Torna in primo piano, ammesso che abbia mai perso le luci della ribalta, la questione del Punto Nascite di Licata. Alla fine di dicembre, come è noto, è scaduta la deroga concessa dalla Regione e la struttura ha chiuso. Il primo gennaio scorso il Ministero della Salute ha concesso una nuova deroga, vincolandola però a tutta una serie di condizioni da attuare in tre mesi. Per riaprire il Punto Nascite è dunque necessario che entro la fine di marzo siano rispettate le condizioni poste dal Governo. In caso contrario si potrà dire, definitivamente, addio alla possibilità di nascere a Licata.

Ad intervenire sulla questione, ieri mattina, sono stati il Tribunale per i diritti del malato, con il presidente provinciale Mariagrazia Cimino, ed il Pdr con il segretario locale Sebastiano Costanza.

«Questo tema – si legge nella nota diffusa da Mariagrazia Cimino - è stato oggetto della segnalazione inviata alla direzione generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento da questo Tribunale per i diritti del malato, con richiesta urgente di incontro. In sintesi si ricorda che è già trascorso un mese dei tre a disposizione per la messa in sicurezza del reparto di Ostetricia ed è legittimo domandarsi quali risultati siano stati raggiunti».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X