LA SENTENZA

Cga: «Impresa favarese non è in odor di mafia»

di

FAVARA. Parentele con mafiosi o con persone che hanno rapporti professionali con loro non sono sufficienti, senza altri elementi, a revocare appalti e lavori pubblici. A ribadirlo è stato il Consiglio di Giustizia amministrativa che ha accolto il ricorso di un'impresa di Favara, dando torto al ministero dell'Interno.

La vicenda scaturisce da un provvedimento che aveva estromesso un imprenditore in quanto il genero lavorava con un altro imprenditore il cui padre è stato ucciso dalla mafia oltre trenta anni fa. Luigi Gioia, 65 anni, è titolare di una ditta individuale che svolge attività di autotrasporto merci e che era stata individuata per l'esecuzione di alcuni lavori nell'ambito della realizzazione di una centrale per la produzione di energia alternativa eolica per conto del Gruppo Moncada, nel territorio di Cattolica Eraclea.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X