POLIZIA

Con una bottiglia di vetro rotta minaccia un giovane, arrestato ad Agrigento

di

AGRIGENTO. Minaccia, con il collo rotto di una bottiglia di vetro, un agrigentino di 27 anni che, tranquillamente, percorre la via Empedocle. Urlando frasi incomprensibili, riesce a farsi consegnare quanto il giovane ha con sé: un Iphone d'ultima generazione. Arraffato il bottino, il malvivente fugge a gambe levate, facendo perdere le proprie tracce. Ma per poco, anzi pochissimo, tempo.

La polizia di Stato, giovedì mattina, dopo un'intensa attività investigativa, è riuscito non soltanto ad identificare il rapinatore ma anche a rintracciarlo e a sottoporlo a fermo di polizia giudiziaria. Alla casa circondariale di contrada Petrusa, ad Agrigento, è così finito Rochdi Daoura, tunisino, di 26 anni. Dovrà rispondere dell'ipotesi di reato di rapina. L'Iphone sottratto al giovane agrigentino non è stato però, purtroppo, ritrovato. Le indagini, in tal senso, sono ancora apertissime e non è detto che il telefono cellulare d'ultima generazione non possa venire ritrovato al più presto.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook