IL PROVVEDIMENTO

L’allarme per il favismo si allarga ad Agrigento, divieto di coltivazione

di

AGRIGENTO. Il divieto di coltivazione e vendita di fave e piselli si amplia. Il sindaco di Agrigento, Calogero Firetto, integrando il divieto già disposto a metà ottobre ha - accogliendo le richieste degli interessati, ossia degli agrigentini affetti da deficit G6PD, ossia favismo, - disposto che non vengano coltivate fave e piselli, né vendute, nelle aree adiacenti, per una estensione di 300 metri lineari, in viale Leonardo Sciascia, lungo la statale 115 che attraversa il Villaggio Mosè, alla rotatoria Giunone-via Panoramica dei Templi e nel tratto della statale 115, rotatoria Giunone, svincolo per Monserrato.

Il divieto si allarga, dunque, a macchia d'olio perché vi sono bambini ed adulti affetti da "favismo", ossia dalla disfunzione congenita, con carattere ereditario, che provoca un'improvvisa distruzione dei globuli rossi e quindi anemia con conseguente ittero. Già lo scorso ottobre, il divieto era stato esteso anche alla via Piersanti Mattarella, a trecento metri dal liceo scientifico "Politi", e alla vie Panoramica dei Templi e Passeggiata archeologica, nonché al raggio di trecento metri da ospedali e strutture sanitarie come le guardie mediche della città.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X